Keystone
TERRITORI PALESTINESI
07.12.2017 - 12:390

«Trump può riportarci ai tempi bui». Primi scontri

Tre dimostranti palestinesi sono rimasti feriti dal fuoco di militari israeliani. Scontri e feriti anche in Cisgiordania

TEL AVIV - «L'annuncio di Trump su Gerusalemme ha un impatto potenziale molto preoccupante, perché avviene in un contesto fragile e potrebbe farci tornare indietro ai tempi più bui»: lo ha detto l'Alto rappresentante Ue Federica Mogherini.

Proprio a questo proposito lunedì il premier israeliano Benyamin Netanyahu sarà a Bruxelles con i ministri degli esteri Ue, per una colazione informale. Secondo quanto spiegano fonti europee, al centro delle discussioni ci saranno il processo di pace in Medio Oriente; le relazioni bilaterali; e le questioni regionali.

La decisione del presidente Usa Donald Trump di spostare l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme, non cambia la posizione dell'Unione europea, che ha una posizione concordata da tempo, per la soluzione a due Stati, incluso sui settlements, illegali nel quadro della legge internazionale, spiegano le fonti.

A gennaio anche il presidente palestinese Mahmoud Abbas sarà a Bruxelles per incontrare i ministri degli esteri Ue. «Sono entrambe opportunità per capire che ruolo pensano che l'Ue debba avere», aggiungono le fonti.

Primi scontri - Tre dimostranti palestinesi sono rimasti feriti dal fuoco di militari israeliani quando stamane la manifestazione di protesta a cui partecipavano presso Khan Yunes (Gaza) ha raggiunto i reticolati della linea di demarcazione della Striscia con Israele.

Lo riferiscono fonti mediche a Gaza. A Tel Aviv un portavoce militare si è limitato a confermare che in quella zona i soldati hanno disperso una manifestazione violenta palestinese. Cortei di protesta sono avvenuti in mattinata nelle principali città palestinesi della Cisgiordania, fra cui Ramallah, Betlemme e Hebron.

Scontri e feriti anche in Cisgiordania - Scontri sono in corso in diverse località della Cisgiordania, in particolare a Betlemme, Hebron e Ramallah. 16 dimostranti sono stati intossicati da gas o feriti da proiettili rivestiti di gomma in scontri con l'esercito israeliano a Tulkarem e a Qalqilya.

Altri incidenti sono segnalati nella zona compresa fra Ramallah e Gerusalemme. I manifestanti, tra Gaza e la Cisgiordania, stanno dando alle fiamme bandiere americane e israeliane, così come poster di Trump e Netanyahu.

Principale obiettivo di queste manifestazioni di protesta è il presidente americano Donald Trump. A Gaza sono stati bruciati poster con la sua immagine. A Betlemme un suo grande ritratto - un graffito dipinto di recente su un muro della Barriera di sicurezza - è stato cancellato con la vernice nera. A Nablus i dimostranti hanno portato in piazza un fantoccio che aveva il volto di Trump e gli hanno dato fuoco.

Sul web circola da ieri anche un fotomontaggio che mostra Trump steso sanguinante a terra, con i fori di proiettili in testa e al petto.
 
 

Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
scontri
trump
cisgiordania
fonti
gaza
dimostranti
ue
tel aviv
betlemme
gerusalemme
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-11 08:32:51 | 91.208.130.87