Fotolia
ITALIA
13.09.2017 - 18:300

Pontida crea i posteggi per donne incinte, ma non devono essere lesbiche o extracomunitarie

Feroci polemiche dopo l'approvazione da parte dell'amministrazione comunale a guida leghista

PONTIDA - L'amministrazione comunale di Pontida, storica roccaforte della Lega Nord in provincia di Bergamo, ha approvato un regolamento comunale per la gestione dei parcheggi, che introduce quelli contrassegnati dal colore rosa e dedicati alle donne incinte. Solo che un passaggio del regolamento prevede che «possono richiedere il rilascio gratuito di idoneo permesso risultante da tessera, esclusivamente le donne appartenenti a un nucleo familiare naturale e cittadine italiane o di un paese membro dell'Unione Europea».

Una distinzione che ha creato feroci polemiche: «Non riesco quasi a trovare le parole per esprimere il mio dissenso. In pratica con questa decisione qualcuno sostiene che a Pontida esistono delle donne di serie A e di serie B. Si può essere più cattivi» dichiara Gionata Ghilardi, consigliere comunale di opposizione.

Il provvedimento ha fatto infuriare anche il ministro Maurizio Martina: «Ma fino a dove vogliono spingersi alcuni nella ricerca esasperata di provocazioni intolleranti e razziste che ricordano le peggiori pagine della storia? Dove vogliono portarci? Ai posti riservati sui bus? O al divieto d'ingresso nei negozi per alcune razze? Sono cose che fanno rabbrividire e purtroppo sono cose vere. Sembra che la storia non abbia insegnato nulla a certe persone e noi non possiamo sottovalutare tutto questo. Stanno emergendo estremismi che non possono essere banalizzati. Si ritiri subito questo provvedimento vergognoso». 

Nessun commento, al momento, da parte del sindaco Luigi Carozzi.

 

Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
pontida
donne
donne incinte
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-19 03:45:54 | 91.208.130.87