ITALIA
17.07.2017 - 09:520

Bossetti: «Non sono l'assassino, Yara poteva essere mia figlia»

Il muratore ha rilasciato dichiarazioni spontanee nell'ultimo giorno del processo d'appello. Ora i giudici sono in camera di consiglio

BERGAMO - È il giorno della sentenza di appello nel processo per la morte di Yara Gambirasio. Massimo Bossetti, il muratore condannato all'ergastolo in primo grado, ha rilasciato dichiarazioni spontanee prima che i giudici entrassero in camera di consiglio.

«Poteva essere mia figlia, la figlia di tutti noi, neanche un animale avrebbe usato tanta crudeltà» ha dichiarato Bossetti, che si è scusato per aver attaccato il giudice in una precedente udienza. «Pensate però come può sentirsi una persona attaccata con ipotesi fantasiose e irreali».

La sentenza è attesa per le prossime ore. La procura chiede di nuovo l'ergastolo con isolamento diurno per sei mesi, la difesa l'assoluzione e una nuova prova del Dna trovato sui leggings di Yara, che dimostrerebbe (è la tesi portata avanti da lui e dagli avvocati) che non è l'omicida.

Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
bossetti
figlia
yara
poteva essere
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-21 16:57:28 | 91.208.130.87