Keystone
STATI UNITI
07.11.2017 - 07:160

Air Force non informò l’Fbi sulla condanna a Kelley

Il nome del killer avrebbe dovuto essere inserito in una banca dati federale, ma così non fu

 

NEW YORK - L'Air Force non informò l'Fbi della condanna per violenze domestiche emesse da una corte marziale nei confronti di Devin Kelley, il killer che in una parrocchia texana ha ucciso almeno 26 persone.

Il nome di Kelley avrebbe dovuto essere inserito in una banca dati federale. Questo però non è avvenuto e l'uomo ha potuto così superare tranquillamente i controlli preventivi e acquistare armi da fuoco, tra cui quella della strage.

L'Air Force ha ammesso la mancanza a distanza di 24 ore dalla strage. Una corretta segnalazione della condanna di Kelley secondo la legge federale avrebbe impedito all'uomo di acquistare e possedere armi da fuoco.

Ora insieme al Pentagono l'Air Force ha avviato un'indagine per verificare eventuali altri casi in cui condanne per violenza non siano state correttamente segnalate.

Avviata un'indagine anche su come il caso Kelley è stato gestito all'interno dell'Air Force.

Colpito da tre proiettili - Devin Patrick Kelley, l'uomo che ha ucciso 26 persone in una chiesa battista in Texas, è stato colpito da tre proiettili: uno al torso e uno a una gamba sparati da uno dei sopravvissuti alla strage, e uno alla testa sparato dal killer stesso. È quanto risulta dall'autopsia. Non è ancora chiaro quale dei colpi sia stato quello mortale.

2 settimane fa Strage in Texas: il killer maltrattava moglie, figlio e animali
2 settimane fa Strage in Texas: uccisi 12-14 bambini. Il killer si è sparato
2 settimane fa L’autore della strage ha un nome: Devin Kelley
2 settimane fa Sparatoria in chiesa durante la messa: 26 morti in Texas
Tags
air force
force
kelley
air
condanna
fbi
killer
strage
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-21 07:03:19 | 91.208.130.86