Keystone
ITALIA
07.10.2017 - 16:390

Ilva: 4'000 esuberi. E i dipendenti scioperano

Arcelor Mittal ha confermato l'intenzion di assumere solo 10'000 lavoratori. Sindacati sul passo di guerra: «Condizioni inaccettabili»

TARANTO - Doccia fredda sull'Ilva, dopo che ieri Arcelor Mittal ha confermato l'intenzione di assumere per la società, direttamente o attraverso proprie affiliate, 10 mila lavoratori.

Circa 9.600 in Italia, 7.600 impiegati a Taranto, 900 a Genova, 700 a Novi ligure, 160 a Milano, 240 in altri siti a cui aggiungere la forza lavoro delle controllate, 160 dipendenti in forze aIsm, 35 a Ilvaform, 90 Taranto Energia, i 45 dirigenti in funzione più i dipendenti francesi delle società Socova, Tillet che rientrano nel perimetro del gruppo. A ufficializzare le cifre - che di conseguenza evidenziano circa 4 mila esuberi da gestire - è stata la comunicazione con cui i Commissari straordinari hanno formalizzato l'avvio della procedura ex art. 47 legge 428/1990.

Il documento ribadisce inoltre «che non vi sarà continuità rispetto al rapporto di lavoro intrattenuto dai dipendenti con le società, neanche in relazione al trattamento economico e all'anzianità».

Dal governo la vice ministra allo Sviluppo Economico, Teresa Bellanova ha affermato che «il Governo ribadisce che al termine del confronto nessun lavoratore rimarrà senza tutele reddituali e occupazionali. Mi auguro che lunedì si avvii una trattativa che porti a una intesa soddisfacente in tempi rapidi».

Ma le parole del governo non hanno placato l'irritazione dei sindacati, che avrebbero sperato in uno scenario contrattuale migliore. Arcelor Mittall conferma di essere «inaffidabile e arrogante», è stato il giudizio della leader Fiom, Francesca Re David che sottolinea la obbligatoria «accettazione delle condizioni imposte dall'azienda, con sottoscrizione di verbale di conciliazione tombale, rinunciando quindi all'anzianità di servizio e all'integrativo aziendale e determinando in tal modo un taglio salariale consistente e inaccettabile».

Se per la Fiom, sulla base di quanto formalizzato da Arcelor Mittal, non ci sono le condizioni di aprire un tavolo negoziale Rocco Palombella, segretario generale della Uilm, parla di «condizioni inaccettabili: così un accordo sindacale è impossibile». Palombella spiega che il sindacato è «pronto a un confronto duro, perchè non si può tutelare la produzione senza fare altrettanto a favore degli addetti che ci lavorano».

E dalla Fim il segretario generale Fim, Marco Bentivogli, osserva che «a due giorni dall'avvio del negoziato, se queste sono le condizioni di partenza, il piede è quello sbagliato. Ci si prospettano presupposti ancora più arretrati rispetto a quanto concordato tra l'acquirente e la gestione commissariale. Se tale approccio sarà confermato nell'incontro di lunedì è chiaro che il ricorso alla mobilitazione generale diventerà inevitabili».

Dipendenti in sciopero - Il consiglio di fabbrica dell'Ilva di Taranto ha proclamato per lunedì 9 ottobre 24 ore di sciopero dei lavoratori dell'azienda siderurgica e dell'appalto/indotto in seguito alla proposta di Am Investco che «respinge sia dal punto di vista normativo/economico che nei numeri degli esuberi», calcolati in 3311.

Il consiglio di fabbrica rispedisce ai nuovi proprietari e al governo anche «l'azzeramento degli accordi vigenti, il licenziamento e le assunzioni con il Job's Act, l'azzeramento degli istituti contrattuali, la discriminazione tra lavoratori» e la mancanza di prospettive «per gli operai degli appalti».

«Ci rifiutiamo di considerare che tale impostazione possa rappresentare il punto di partenza della trattativa che vede coinvolti migliaia di lavoratori e le loro famiglie come fossero merce di scambio».

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
dipendenti
lavoratori
condizioni
esuberi
governo
ilva
taranto
arcelor
mittal
arcelor mittal
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-12-14 01:33:36 | 91.208.130.87