SEGNALACI mobile report
focus
SVIZZERA
17.06.2012 - 13:000

Esporsi al sole, MeteoSvizzera avverte

Come prevenire le radiazioni ultraviolette dannose

ZURIGO - Finalmente: l'estate si mostra dal suo lato migliore. Le piscine sono già affollate e i bagnanti prendono il sole quasi del tutto privi di veli. Tuttavia, affinché i bagni di sole non si trasformino in un colpo di sole, è opportuno proteggersi dalle dannose radiazioni ultraviolette (UV). L'Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzera calcola e pubblica quotidianamente un indice UV che informa sul grado di intensità di tali radiazioni.

Il cielo è nuvoloso? Allora non occorre proteggersi con la crema, avrà già pensato qualcuno di noi... prima di subire le conseguenze di tale imprudenza sulla propria pelle. I raggi UV responsabili dei colpi di sole sono infidi: infatti, a differenza della luce visibile e delle calde radiazioni infrarosse, essi colpiscono la pelle in modo del tutto impercettibile. La fascia d'ozono dell'atmosfera assorbe una grande parte delle radiazioni a lunghezza d'onda ultravioletta. Tuttavia, la radiazione solare che raggiunge complessivamente la superficie terrestre è composta ancora al 5% circa da raggi UV ricchi di energia e pertanto nocivi per la salute.

Sebbene non sia possibile vederli o percepirli è tuttavia possibile misurarli: presso quattro stazioni, a Davos, a Locarno, sul Jungfraujoch e a Payerne, MeteoSvizzera misura più volte al giorno la radiazione UV. In base a tali misurazioni, viene calcolato per tutte le regioni del Paese il rispettivo indice UV, ossia una misura dell'intensità della radiazione UV. Maggiore è il valore dell'indice, maggiore è la radiazione e quindi maggiore è l'esigenza di proteggersi dal sole.

Qual è però il significato di tale valore? Se il valore dell'indice UV è pari a 1 o 2 è possibile esporsi al sole senza troppe esitazioni. Se invece i valori si situano fra 3 e 7 è indispensabile proteggersi, a seconda del tipo di pelle, con un cappello, con degli occhiali da sole e con la crema solare. Quando poi l'intensità dei raggi raggiunge il valore 8 dell'indice UV, sul mezzogiorno non ci si dovrebbe esporre troppo a lungo al sole e si dovrebbe rimanere in prevalenza all'ombra.

L'intensità della radiazione UV in una determinata località e in un determinato momento è influenzata da diversi fattori. Da noi è particolarmente marcata in estate e sul mezzogiorno, quando il sole splende alto nel cielo e i raggi del Sole colpiscono il terreno pressoché con un angolo retto. L'intensità della radiazione aumenta inoltre ulteriormente con la quota sopra il livello del mare e in presenza di superfici riflettenti come la neve, l'acqua o la sabbia. La nuvolosità, per contro, ha un effetto attenuante ma, a dipendenza del tipo di nuvole, tale effetto può essere tuttavia minimo e il pericolo di un colpo di sole inaspettatamente elevato.

Sia che il cielo sia coperto o no: prima di concedersi il prossimo bagno di sole sarebbe opportuno gettare uno sguardo all'indice UV. L'intensità dei raggi UV sul mezzogiorno e l'esatto significato dei rispettivi valori sono consultabili sul sito web di MeteoSvizzera oppure su www.uv-index.ch, un sito gestito in comune da MeteoSvizzera e dall'Ufficio federale della sanità pubblica, con ulteriori informazioni su come affrontare in modo sicuro i raggi del sole. Qui si trovano, oltre ai valori dell'indice UV del giorno attuale, anche una previsione per il giorno successivo.

Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
raggi
radiazione
indice uv
uv
intensità
meteosvizzera
sole
radiazioni
valore
raggi uv
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-18 07:14:42 | 91.208.130.87