Sul palco di Rock'n'Respect i Vomitors (nella foto), i ...Piace?, i BrainFreeze e Alex Remy.
CANTONE
30.03.2016 - 06:000

Ragazzi, gridiamo all'unisono «Rock'n'Respect!»

Torna questo sabato al Mercato Coperto di Gordola Rock’n’Respect, il cui ricavato verrà devoluto alla Fondazione Damiano Tamagni

Gridiamo all’unisono e sempre più forte «Stop alla violenza!», «Stop al bullismo!». Possiamo farlo tutti insieme tra pochi giorni nel ricordo di Damiano e di chi, come lui, si è ritrovato al cospetto di un destino assurdo.

Un palco, quello di Rock’n’Respect, su cui nel corso delle precedenti sei edizioni si sono esibite formazioni come Zero In On, Sinplus, Vomitors, Vallanzaska, Trenincorsa e, ovviamente, gli organizzatori della rassegna, ossia i ...Piace?.

A questo settimo “giro” a prodigarsi nel segno del rock e del rispetto, sabato a partire dalle 19.45, troveremo Alex Remy, songwriter attivo già da qualche anno sulla scena musicale della Svizzera italiana. Subito dopo sarà il momento dei BrainFreeze, giovani punk rocker di Mendrisio che avranno modo di presentare al pubblico l’ultimo album, “Too Big To Fail”, pubblicato nel 2015: canzoni, quelle raccolte all’interno della produzione, che raccontano l’amicizia, la ribellione e, ovviamente, l’amore: «I versi, le strofe, sono riflessioni su momenti che ogni essere umano ha vissuto, sta vivendo o che un giorno si ritroverà a vivere…», ci ha spiegato tempo fa Matteo Sulmoni (voce, chitarra), che condivide la line-up della band con suo fratello Davide (batteria), Mattia Facciolo (chitarra) e Marco Stevanato (basso).

Poi sarà il turno dei ...Piace?, che approderanno sul palco con l’album fresco di stampa “Aerodinamic”: punk-folk in dialetto ticinese diretto e immediato, quello di Dodi (voce), Ricky (chitarra), MZ (chitarra), Gnörk (basso) e Tia (batteria). «Le nostre maggiori influenze musicali? Toten Hosen, Nofx, Sum 41, Bad Religion e, per quel che riguarda alcune armonie di chitarra, i “vecchi” Metallica», dicono. A chiudere questa settima edizione toccherà ai Vomitors, pronti a sciorinare le canzoni contenute in “Psycotrizzati”, l’ultimo album uscito lo scorso mese di agosto: brani, questi, che narrano di quei fattori «capaci di compromettere la vita sociale di ognuno di noi - ci ha spiegato Mila (basso) - E con questo mi riferisco prevalentemente all’abuso degli smartphone e dei social media… Oggi come oggi non riusciamo più a farne a meno… Eppure fino a poco tempo fa abbiamo vissuto senza… E decisamente meglio, direi…».

Info: rock-n-respect.ch ; damianotamagni.ch

 


 

Potrebbe interessarti anche ... (beta)
Tags
chitarra
rock
respect
album
rock respect
ULTIME NEWS Agenda
Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2017-11-17 20:22:50 | 91.208.130.86