Oggi in iTio
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

Lugano

17/09/2010 - 13:55

Matrimonio? No grazie! … "Meno peggio" convivere!

Ciò che i futuri ex mariti devono sapere prima di sposarsi e che nessuno osa dir loro

Articolo di Movimento Papageno




Sabato 18 settembre inizia la campagna informativa di Papageno.

L'associazione sarà in Piazza Dante a Lugano durante gli orari di apertura dei negozi, con Gazebo e bancarella,

  • per informare l'opinione pubblica ed in particolare i maschi - potenziali probabili futuri padri ex mariti o ex conviventi (al 55-60 %) - sul diritto del divorzio e sulla prassi giuridica in vigore in Svizzera ed in Ticino, così come pure sull'applicazione messa in atto dallla Magistratura.
  • per sostenere la Mozione della Lega "Pari opportunità...anche per i padri" che verrà discussa prossimamente in Gran Consiglio.

Alle ore 14.00, la tv RSI Falò presenzierà all'evento. Quasi certa la presenza del Deputato On. Donatello Poggi (cofirmatario della Mozione... a cui il Consiglio di Stato ha risposto dopo ben 3 anni).

Il movimento Papageno è favorevole al matrimonio. Tuttavia, considerato il diritto sul divorzio in vigore in Svizzera, consiglia ai futuri probabili padri separati la scelta "meno peggiore": la Convivenza! Papageno ritiene necessario informare i giovani intenzionati a commettere matrimonio sugli "Effetti collaterali", ossia "Le catastrofiche conseguenze che questo contratto implica al momento della separazione dalla moglie".
 
Il 55-60% dei matrimoni in Ticino termina con una separazione o un divorzio. In Ticino la legge produce 500 nuovi "orfani di padre vivo" all’anno che vivono in nuovi nuclei "monoparentali". I padri perdono casa, figli, affetti, lavoro e vengono ridotti a "papàbancomat". La legge, pretori, tutorie, istituzioni, operatori sociali, medici, avvocati e altri personaggi della grande fabbrica del divorzio volteggiano attorno ai ruderi della vostra relazione, "difendendo gli interessi delle parti" a suon di onorari da capogiro. Magari il tutto per il …bene dei figli! Questi sono solo alcuni aspetti dei drammatici sviluppi che il futuro ex "marito padre" dovrà affrontare.  
 
Papageno è un movimento di padri volontari che lottano per difendere i diritti alla bi-genitorialità dei figli, per la parità di diritti e doveri tra ex coniugi e ex conviventi, che denunciano la discriminazione tra uomo e donna nell’ambito delle responsabilità famigliari. Il sito internet www.miopapageno.ch è lo strumento tramite il quale il Movimento sensibilizza l’opinione pubblica e politica. Papageno organizza conferenze, manifestazioni e sostiene i padri in difficoltà tramite gruppi di auto-aiuto.

Cosa succede ai "padri sposati" quando si separano?

  • i figli sono affidati d’ufficio alle madri;
  • la prassi vuole che il padre possa incontrare i figli 4 giorni al mese, madre permettendo! Nel 30% dei divorzi il padre perde ogni contatto con i figli;
  • il padre "è condannato" a pagare alimenti ai figli secondo le famigerate Tabelle di Zurigo (fino a 2'115.- fr al mese a figlio);
  • la casa o l’abitazione coniugale (anche se di proprietà del marito) è attribuita d’ufficio alle madri;
  • la metà della Cassa Pensione e dell’AVS maturata dal marito, dal matrimonio fino alla "crescita in giudicato" del divorzio, va d’ufficio alla ex moglie;
  • la ex moglie potrebbe riuscire a farsi mantenere a vita dall’ex marito…
     

Cosa succede ai "padri conviventi" quando si separano?

  • i figli sono affidati d’ufficio alle madri;
  • la prassi vuole che il padre possa incontrare i figli 4 giorni al mese, madre permettendo! Nel 30% delle separazioni il padre perde ogni contatto con i figli;
  • il padre "può essere condannato" a pagare alimenti ai figli secondo le famigerate Tabelle di Zurigo (fino a 2'115.- fr al mese a figlio).
     

*  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *

La testimonianza di Roberto, un padre che ha preferito la Convivenza al Matrimonio.

Una famiglia senza matrimonio

Parte prima

Come tanti giovani uomini, giunto in una età dove spasso e divertimento non costituivano oramai più una necessità essenziale, sentii il bisogno (allora corrisposto) di concretizzare i propri sentimenti nel profondo vincolo del matrimonio. Due persone unite per la vita, dichiaravano il proprio amore al resto del mondo.

Il matrimonio: il giorno più bello della mia vita… e giuro, lo dico senza ironia di sorte!
Il desiderio di una famiglia era irrefrenabile, istintivo, primordiale…
L’acquisto di una casa tutta nostra (e non crediate che si trattasse di una topaia), con due stipendi che ci permettevano di soddisfare quasi tutti i nostri desideri. In altre parole felicità!
Non passarono tre anni, che cosa ci è successo, tutt’ora non sono in grado di dare una risposta esaudente, ma sostanzialmente una sola persona era veramente felice (il sottoscritto), mentre la mia dolce consorte no…

Il divorzio: il giorno più brutto della mia vita.
Non sono mai stato un tipo venale, quindi nella mitica convenzione lasciai quasi tutto alla dolce metà. Il mio dolore era ben altro, l’umiliazione di avere fallito, di non essere stato in grado di concretizzare i propri sogni in una famiglia felice, mi hanno divorato il cuore.

Un aneddoto: il Pretore, spinto da una non ben definita sadica curiosità, mi chiese alla fine del dibattimento, se un giorno mi sarei mai risposato. Nonostante tutto ero assolutamente lucido e riposi con un perentorio NO secco! Esistono mille altre vie per dimostrare il proprio amore, esclamai! Lui sorrise, senza dir nulla, ma la sua espressione parlava chiaro, come per dire: "vedrai che, come tutti, ci ricaschi come un pollo…"

Parte seconda

Essendo una persona estremamente razionale, mi fermai a riflettere: se in una promessa per la vita possiamo garantire al 100% solamente la propria parte, esiste il ragionevole dubbio che prima o poi si potrebbe andare incontro ad un qualche piccolo inconveniente…
Nonostante questa saggia premessa m’innamorai nuovamente e l’irrefrenabile istinto di una propria famiglia si fece nuovamente sentire, solo che questa volta i patti sarebbero stati chiari sin da subito: il matrimonio non è l’assioma per dimostrare il proprio amore!
Credo che la mia attuale compagna abbia compreso e condiviso il concetto, rendendosi conto che anche senza il matrimonio si potevano definire seri fondamenti per una relazione stabile e duratura.
Non da ultimo, mica mi ero scordato della sfida personale col Pretore… Col cavolo che l’avrei data vinta!

Terza ed ultima parte

La dolce attesa è turbata solo da "piccole persone" che, citando De André, "come Gesù nel tempio sanno dare solo buoni consigli…", cercano  di terrorizzarti in tutti i modi: " ah, vedrete che se nasce e non siete sposati… bla, bla, bla…" di tutto e di più, la fantasia umana non ha veramente limite in fatto di stupidità.
Il primo figlio: il giorno dove scopri che niente al mondo è tanto bello!
Il secondo figlio: si confermava la teoria del primo, mi sentivo realizzato, eravamo una famiglia! La nostra famiglia…

La legge: il riconoscimento (legale) del piccolo, prima o dopo la nascita, non è obbligatorio e tantomeno lo è la sottoscrizione del contratto per l’obbligo di mantenimento di minori unitamente al diritto alle relazioni personali.
Su questo punto desidero soffermarmi un attimo per una riflessione: per legge nessuno ti obbliga a far nulla… Vero, ma personalmente ho ritenuto che fosse un atto umanamente e cristianamente doveroso verso la mia compagna e verso i nostri due bambini, in un certo qual modo una dimostrazione dell’amore che provavo nei loro confronti. Giusto o sbagliato che fosse, ho sentito questa necessità interiore di volermi comunque "esporre" nero su bianco. Anche se fondamentalmente non essendo una bestia, qualsiasi cosa fosse successa nelle relazioni con la mia compagna, non avrei mai lasciato nell’indigenza i miei due figli, ma il fatto di garantirlo nei termini legali mi diede soddisfazione e mi fece star bene!

La commissione tutoria regionale: come giustamente dice il termine l’obbiettivo è di tutelare i più deboli ossia i figli ed il contratto di mantenimento è il suo strumento.
Non so per quale strano motivo nel 2003 con il primo figlio ottenni importi decisamente irrisori.
Con il secondo figlio nel 2007 la Signora della tutoria mi saltò fuori con le famigerate tabelle di Zurigo!!! Ma dico si rendono conto che gli stipendi di Zurigo non sono quelli del Canton Ticino?
È una cosa talmente stupida e banale che quando sento certi sventurati papà a cui il pretore di turno ha sentenziato l’ennesima mazzata, sto male per loro…
Tornando alle indecenti proposte della Signora, gli dissi chiaramente come la pensavo in materia di tabelle di Zurigo… Dopo avere mercanteggiato sugli importi, arrivammo a cifre più ragionevoli.
Ovviamente tengo a precisare che poi al momento dell’effettivo bisogno quest’ultimi possono essere (giustamente) rivisti secondo le reali esigenze o presunte tali… in quanto é anche vero che si potrebbero trasformare in un indiretto sostentamento della ex compagna, ma tutto sommato sono sicuramente meno pericolose di certe assurde sentenze…

Svantaggi: uno solo, se dovessi crepare domani, niente rendita AVS per la compagna, si deve arrangiare con mezzi propri... Gli orfani qualcosa prendono…
Nei vantaggi potrei citare le imposte, dove siamo considerati con le aliquote dei coniugati ma non si sommano i due stipendi e se la compagna non lavora (casalinga a tempo pieno) lei e i figli hanno diritto al sussidio cantonale per la cassa malati… Senza dimenticare che ha pienamente diritto alla rendita del II° pilastro… (ovviamen dopo 5 anni di comprovata convivenza).

Una mia modesta riflessione: una famiglia senza matrimonio, vinti certi preconcetti popolari, non è un’utopia ma una logica conseguenza dei nostri tempi. Vi assicuro che i suoi fondamenti sono in tutto e per tutto i medesimi di una coppia regolarmente coniugata, con l’unica piccola ma essenziale differenza di essere (fortunatamente) maggiormente libera dal nostro sistema legislativo.

Desidero, per concludere, esprimere tutta la mia solidarietà ai tanti sventurati amici, vittime di un sistema che,  oltre aver perso totalmente la sua credibilità, è oramai distante anni luce dal suo vero fine e desidero inoltre esprimere la mia stima a tutti coloro ed alle associazioni come "Papageno" che da anni si battono contro l’ottusa applicazione di regole fuori da qualsiasi concetto di umana carità!           

Roberto
 

E-mail: info@miopapageno.ch 
Tel. 079-376 8339 , 079-240 4051, 079-232 2373

Movimento Papageno, C. p. 1827, 6830 Chiasso 1; CCP: 65 – 103037 – 1

Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare

ULTIMO COMMENTO
misss - 20 Settembre 2010 alle 11:19
è davvero triste quando il rapporto genitore-figli si riduce a parlare di soldi, far sentire i figli un peso perché devono essere mantenuti e non veder l'ora che smettano di studiare per potersi sottrarre dal sofferente dovere di mantenimento.
ed è ancora più triste quando i genitori coinvolgono i figli nelle loro storiacce, cercando di manipolarli per avere l'affidamento.
io sono dell'opinione che, il padre, siccome solo in rari casi riceve l'affidamento, dovrebbe rimanere il più possibile vicino al figlio, se vuole davvero avere la possibilità di vederlo crescere, di stargli vicino, di educarlo. perché sebbene sia più difficile è comunque possibile.

ma d'altronde nessuno di noi diventa mai davvero adulto, e sono le emozioni, i sentimenti che tirano fuori la parte più infantile che c'è in noi. ma quando ci sono dei figli di mezzo, bisognerebbe pensarci 2 volte (anche 3!!) prima di prendere determinate decisioni.

Partecipa anche tu alla discussione, leggi tutti i commenti e interagisci con gli altri blogger.
&


Copyright © 1997-2014 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati - IMPRESSUM - SEGNALACI
Last Cache Update: 22.10.2014 03:36:27
Tutte le notizie in iTio del 22/10/2014 - 0 Notizie