Oggi in Ticino
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

BELLINZONA

14/09/2017 - 12:03

«Per fare il municipale non bisogna essere Einstein. 80mila franchi sono troppi»

Tuto Rossi punta il dito contro il numero di funzionari della nuova Bellinzona e contro gli stipendi offerti. E invia la sua proposta: «30'000 all’anno per i 7 membri dell'esecutivo»

tipress
0
0

BELLINZONA - Una proposta «né di destra né di sinistra, ma solo di buonsenso», quella avanzata dall'avvocato Tuto Rossi all'indirizzo del Municipio della nuova Bellinzona.

Rossi trova «deludente» che nei primi mesi di vita della nuova Bellinzona, il Municipio «non abbia presentato nessuna visione politica, nessun programma sulla futura Bellinzona capitale, bensì si sia concentrato sul suoi salari, e su quelli degli alti funzionari». Ben 1425 funzionari, sottolinea l'avvocato.

«Abbiamo un impiegato comunale ogni 30 abitanti. Si tratta di una percentuale più consona a una commissione tutoria, che a un comune del Ticino», incalza puntando il dito contro gli inevitabili costi che ne conseguirebbero. «Oltretutto - prosegue -, il Municipio ritiene che la qualità dei suoi funzionari è totalmente scadente, tant’è vero che vuole assumere altri 30 nuovi dirigenti, poiché dice di non trovare internamente nessuna persona capace».

Rossi snocciola un po' di cifre: «Il Municipio propone di pagare al Sindaco ben 120’000 franchi, al Vicesindaco ben 95’000 e ai Municipali ben 80’000, per un tempo di lavoro parziale neppure definito».

L'ironia che l'avvocato usa per criticare il sistema amministrativo non viene minimamente celata quando aggiunge: «Bellinzona rimane una cittadina di 40'000 abitanti (più piccola di Lugano, Lecco, Rho e Busto Arsizio) e per fare il Municipale non bisogna essere né Einstein né Stachanov (....). Da 80'000 a 120'000 franchi per i Municipali sono troppi, tanto più che i liberi professionisti presenti in Municipio moltiplicano questi lussuosi onorari con i mandati e gli appalti che ricevono grazie alla carica politica».

Quindi propone una di emendamento dell’art. 91 del Regolamento proposto dal Municipio.

Propongo
- Un indennità di CHF 30'000 all’anno per i 7 municipali
- A ciò aggiungo un onorario basato sull’ultima notifica di imposta; se un Municipale subisce perdite di guadagno o di salario a causa dell’attività politica, questa gli sarà compensata.

In questo modo tutti i cittadini che diverranno Municipali vedranno la loro situazione economica migliorata di CHF 30'000 all’anno (ma non di più).

Così rimaniamo nella tradizione svizzera dove l’attività politica è sempre stata di milizia, e non scadiamo nella casta dei politici superpagati che tanto danno crea alla vicina penisola.

Ma soprattutto rimaniamo con i piedi per terra.

Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare

52 commenti da TIO
vulpus - 15 Settembre alle 08:32
Rossi ha sbagliato e ha pagato per quello che la giustizia lo ha chiamato a pagare.Probabilmente è stao l'unico chiamato alla cassa, ma le responsabilità erano condivise.
Interessante la critica avvanzata.
È evidente che la gestione di un assembramento come quello bellinzonese è problematico, e i municipali , almeno all'inizio siano quasi a tempo pieno.
Il tempo parziale per i municipali è sicuramente quello più adatto alla situazione gestionale e finanziaria.Purtroppo affiornano tutti i difetti e le probblematiche di queste aggregazioni, dove tutto il personale è ripreso, egiustamente gli è stato garantito il posto di lavoro. Poi diventando grande la cerchia degli amici, bisogna accontetare i propri, e da qui la necessità di aumentare oltre il personale.
Il cantone ha sbagliato e sbaglia nuovamente a spingere queste aggregazioni, che in fondo sono state acqua bevuta dal "codèè", ,distribuita a tutti come fosse acqua santa.Che ora poi ci vogliano 30 nuovi dirigenti, vuol dire di tacciare di imbecillità tutti quelli che operavano nei comuni aggregati e qui c'è da dubitarne che sia la realtà. Si è voluto assemblare una miriade di comuni, senza un progetto serio e concreto, ma solo su valutazioni, cifre e regolamenti.Lugano ne è stato il primo segnale, ma a quel momento aveva ancora molta disponibilità finanziaria. Poi è scoppiata finanziariamente, come lo sarà a breve Bellinzona, ma per altre ragioni,
Ed ora i problemi da risolvere non solo sono rimasti ma sono aumentati.
Bisognava creare una struttura funzionante con i grossi agglimerati di Bellinzona e Giubiasco e poi se la cosa funzionave estenderla strutturandola con la testa.
Purtroppo è il destino di tutte le aggregazioni che includono territori vasti: tutto viene banalizzato, trascurato, aumentano le tasse per la ingestibilità economica dei conti e la popolazione non avrà alcun beneficio dal passo compiuto. E per Bellinzona siamo solo all'inizio.

Partecipa anche tu alla discussione, leggi tutti i commenti e interagisci con gli altri blogger.
31 commenti da FACEBOOK
Thomas Meylan - 16 Settembre alle 02:57
un municipale che ha uno stipendio che gli permette di vivere con agio può permettersi di rifiutare mazzette. un municipale che non ha uno stipendio sufficiente sicuramente si farà corrompere

Partecipa sulla pagina ticinonline.ch
Potrebbe interessarti anche ... beta

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 12:19:02 | 91.208.130.56
Tutte le notizie in Ticino del 24/09/2017 - 5 Notizie