Oggi in Ticino
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

BELLINZONA

17/05/2017 - 08:05

Allarme Blue Whale, il "gioco" mortale anche in Ticino?

I deputati Giorgio Fonio e Claudio Franscella interrogano il Consiglio di Stato invitando a prendere le dovute precauzioni

Facebook
0
0

Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare
albertolupo - 26 Maggio alle 13:44
"Fine turno", Stephen King, 2016
loading
lo spiaggiato - 17 Maggio alle 14:56
In Ticino è già presente!...
In ticino ne sono affetti una grossissima parte della popolazione... accettano in votazione tasse solo perché così le pagano anche i frontalieri... più autolesionisti di così... :-))))))))
loading
Kama - 17 Maggio alle 13:30
mah..bufala o no secondo me se ne sta facendo un affare di stato esagerato e ne si parla fin troppo, se fossi una 13 enne leggendo tutti sti articoli mi verrebbe solo voglia di andare a cercare anch'io il gioco per vedere di cosa si tratta...mettici poi anche un disagio sociale tipo "la vita é una m., mi va tutto storto, mi ha lasciato il ragazzo, i miei genitori stanno divorziando e non mi capiscono.."et voilà si prende parte al gioco...

Ma se fosse vero poi...ma i genitori?? cioé si tratta di un gioco che si svolge in genre alle 4 di mattina, dove ci si autolesiona, dove per 50gg vige la regola di non parlare con genitori e amici...ma come cavolo fai a non accorgerti che qualcosa non va??
loading
sedelin - 17 Maggio alle 13:25
si potrebbe fare un'analisi del fenomeno (e non solo questo) ma occorrono parecchie pagine.
genitori, vietate ai vostri figli internet, games vari, telefonini e robaccia simile: sono utili per gli adulti che ne sanno fare uso, sono mezzi DIABOLICI in mano ai giovani e giovanissimi. meglio la vecchia enciclopedia, libro, dizionario: non hanno mai ucciso nessuno!
loading
Sixi79 - 17 Maggio alle 12:13
Sono una mamma di una ragazza di 15 anni e ho visto il servizio delle iene e diversi articoli riguardanti questo "gioco" micidiale. Sono rimasta impressionata dalla frivolezza di questi ragazzi nel buttarsi nel vuoto. Questi "tutor" sono i primi ad avere problemi psicologici per arrivare ad indottrinare e manipolare questi ragazzi. Bisognerebbe sensibilizzare i ragazzi su questa tematica a casa, a scuola. Abbiamo dei servizi medico psicologici che si occupano di adolescenti potrebbero convocare i docenti di classe delle scuole medie e spiegare questo "gioco" cosi da poter affrontare la tematica in classe. Portare in Gran Consiglio a cosa serve?? Aspettiamo il morto pure qui in Ticino prima di agire??
loading
Giovanii risponde a Sixi79 - 17 Maggio alle 12:43
Sono proprio i genitori che devono agire sui propri figli.
Se non ti accorgi che sta giocando a questo "gioco" tze propri un merlüz !!
Al primo taglio al polso dovresti accorgerti che ce qualcosa che non va con tuo figlio/a.
aquila bianca risponde a Giovanii - 17 Maggio alle 18:11
Non è così facile Giovanii......
Finché possono, i tagli se li fanno dove possono coprirli, ho avuto un'amica con una figlia adolescente che praticava l'autolesionismo, ma prima di scoprirlo c'è voluto del tempo, perché lo faceva in parti che poteva riuscire a nasconderli..... una di queste era la pancia... ;-(((

Concordo con te che se sono visibili, il problema è lì sotto gli occhi e una qualche domandina bisognerebbe porsela.....

Non è comunque facile rimettere a posto la mente di un adolescente quando questa è sotto un influsso negativo che agisce come la famosa goccia cinese..... ;-(((
Mai abbassare la guardia con i propri figli, anche se ci si ritiene dei buoni genitori che hanno creato basi solide con i giusti valori, basta un amen e tutto quello che hai costruito viene distrutto da menti malsane che sanno dove e come trovare le loro "vittime".....

.... che munt dal menga... ;-(((

Ti auguro una buona serata ciaoooooooooo ;-)

Rispondi ›
loading
Sixi79 risponde a Giovanii - 17 Maggio alle 12:55
Certo che anche i genitori possono e devono vigilare sui propri figli. Sai che però in adolescenza sono ribelli e vulnerabili e cercano sfide continue. Per fortuna il mondo è variato e ci sono persone competenti che possono creare delle campagne di sensibilizzazione adeguate. Magari te non ti ricordi del periodo della tua adolescenza e dubito che dicevi tutto ai tuoi genitori. Infatti io dico che sta sia ai genitori in prima istanza e poi alla scuola trattare questo tema.
Rispondi ›
loading
sedelin risponde a Sixi79 - 17 Maggio alle 16:11
capito, ma giovanii afferma - giusatamente -" Al primo taglio al polso dovresti accorgerti che ce qualcosa che non va con tuo figlio/a. ". non c'é bisogno di farsi raccontare, basta guardare, essere vigili!
Rispondi ›
loading
Frankeat risponde a Sixi79 - 17 Maggio alle 14:42
Nessuno racconta tutto ai genitori, neanche quando sei adulto. Però come ha scritto qualcun altro, non è un "gioco" che dura 10 minuti, ma dura parecchi giorni con situazioni oltre il limite normale (almeno secondo le nostre usanze normali). Se i genitori non si accorgo che loro figlio si alza alle 4 del mattino o che passa la giornata a guardare film horror, allora sono loro il problema principale del ragazzo.
Rispondi ›
loading
Sixi79 risponde a Frankeat - 17 Maggio alle 15:30
Certamente questo può essere un problema. Se mia figlia si alza alle 4 di mattina delle domande me le farei e ci parlerei sicuramente. Per quanto riguarda il guardare film di giorno purtroppo sono in disaccordo poiché il genitore magari lavora e non può controllare tutto. In ogni caso con lo smartphone se il ragazzo o la ragazza esce può comunque vedere questi filmati. La società è costantemente connessa ad internet. Penso sia ingiusto colpevolizzare sempre i genitori. Ovvio bisogna star attenti e vigili ma un po' di fiducia bisogna dargliela a questi ragazzi.
Rispondi ›
loading
sedelin risponde a Sixi79 - 17 Maggio alle 16:13
l'educazione é compito di chi? degli smartphone?
Rispondi ›
loading
Sixi79 risponde a sedelin - 17 Maggio alle 16:45
Non penso abbia mai parlato di educazione. Il fatto che tu puoi educare il figlio in maniera perfetta. Non è questo il problema. Stiamo parlando di persone che manipolano, plagiano e indottrinano gli adolescenti. Forse non vi rendete conto che l'adolescenza è il periodo in cui un ragazzo è più vulnerabile. Nessuna educazione può prevenire del tutto che una persona cadi in questo vortice da cui non riesca ad uscirne. E' forse il caso che vi andate a documentare sulla fase delicata dell'adolescenza.
Rispondi ›
loading
Meno risponde a Frankeat - 17 Maggio alle 14:49
mettiamo da parte la questione che potrebbe essere una bufala. Da quello che ho capito i video vengono forniti con l'ordine di guardarli al mattino (notte) alle 4 e non per tutto il giorno.

A quell'ora normalmente la gente dorme. Come si fa pretendere di sorvegliare e controllare che il proprio figlio/a non si svegli a quell'ora? Da adolescente, quando studiavo fino all'ultimo per degli esami mi svegliavo a quegli orari e ti garantisco di non aver incrociato mai nessun famigliare e nemmeno di averli svegliati. Piuttosto mi chiedo come sia possibile tenere nascoste le mutilazioni.
Rispondi ›
loading
Frankeat risponde a Meno - 17 Maggio alle 15:04
Ecco vedi, adesso mi hai fatto tornare i sensi di colpa perché io non studiavo mai, ne alle 4 del mattino ne alle 4 del pomeriggio.
Rispondi ›
loading

Visualizza 7 risposte aggiuntive
carica commenti (15)
Potrebbe interessarti anche ... beta
commenti da FACEBOOK
Partecipa sulla pagina ticinonline.ch
carica commenti (55)

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 13:54:46 | 91.208.130.56
Tutte le notizie in Ticino del 22/06/2017 - 14 Notizie