Oggi in Ticino
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

CANTONE

13/07/2016 - 06:02

Vacanze estive: «Lasciate che i vostri figli si annoino»

È allarme in Germania: bimbi troppo stressati da colonie e campi di studio. Lo psicologo Giona Morinini: «Non bisogna essere sempre performanti»

Fotolia
0
0

BELLINZONA - L’allarme arriva dalla Germania: sempre più bambini durante le vacanze estive seguono campi di studio e colonie. Il risultato? Uno stress continuo. E la mancanza di una reale divisione tra un anno scolastico e l’altro. Il modo in cui i genitori tedeschi stanno gestendo le settimane più calde dell’anno preoccupa gli esperti, secondo alcuni media locali. La questione, tuttavia, è di rilevanza internazionale. Anche nella Svizzera italiana le varie “proposte estive” sono prese d’assalto dalle famiglie. Ne abbiamo parlato con lo psicologo Giona Morinini.

Morinini, stando ad alcuni esperti germanici, la tendenza a riempire le agende dei ragazzini ha una spiegazione: si teme l'esclusione sociale dei figli, se già da piccoli non si abituano alla cosiddetta "formazione continua”. Cosa ne pensa?
«Bisogna fare parecchia attenzione. Il bambino non deve crescere con l’idea di essere per forza sempre performante. È già sotto pressione nel resto dell’anno e dopo la scuola dell’obbligo. Soprattutto da piccolo e in estate ha anche il diritto di annoiarsi».

Perché i corsi e i campi estivi sono tanto gettonati?
«Una volta i bambini se non li curavano i genitori, li curavano i nonni. Oggi spesso i nonni o abitano lontano oppure lavorano. Così come i genitori. Tutte queste offerte estive di per sé vengono incontro alle famiglie. Solo che occorre davvero trovare un punto d’equilibrio».

Non pensa che troppo spesso le famiglie moderne tendano a delegare alle istituzioni l’educazione dei figli?
«È un fenomeno che c’è, non lo si può negare. Io stesso conosco casi in cui i genitori devono lavorare entrambi per forza a tempo pieno. Ma là dove è possibile, è giusto che l’educazione dei ragazzi sia portata avanti principalmente dai genitori».

Quale sarebbe l’approccio educativo ideale con cui affrontare le vacanze scolastiche?
«Il bambino dovrebbe essere messo nelle condizioni di essere autonomo, di potere sperimentare anche il concetto di noia. Un tempo i ragazzi avevano praticamente tutta l’estate libera. Dovevano ingegnarsi per riempirla. Era sano. Ora non c’è quasi più spazio per l’immaginazione».

In una colonia diurna questo non può accadere?
«Accade, ma in forma diversa. Le colonie e i campi estivi permettono al ragazzini di fare nuovi incontri in un ambiente che non sia quello della scuola. Sono importanti per la crescita dell’individuo. Però il bimbo ha bisogno anche di spazi vuoti».

Torniamo all’idea di performance. Alcuni genitori pretendono che i figli durante l’estate si portino avanti con l’apprendimento. Quanto è sano?
«Anche qui occorre trovare un compromesso. È opportuno che ci sia un collegamento sottile tra un anno scolastico e il successivo. E spetta al genitore mantenere vivo l’interesse del bambino da questo punto di vista. È rischioso invece sovraccaricare di compiti il figlio, così come fargli dimenticare completamente la scuola per due mesi e mezzo».

Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare

6 commenti da TIO
Sara..7 - 13 Luglio 2016 alle 20:46
troppo facile puntare il dito sui genitori.ma al giorni d'oggi se non sai bene il tedesco, inglese, ecc hanno un futuro i nostri ragazzi?? o li chiudete la porta in faccia?io non dico tutto l'estate ma qualche settimane di lingue durante le medie serve.siete voi, la società che imponete certe cose ai ragazzi!!! se NON HAI I LIVELLI A NON PUOI ANDARE A FARE QUELLA SCUOLA SE NON HAI UNA CERTA MEDIE NON PUOI FARE QUELLO CHE VUOI!!!a 14-15 anni sono obbligato a decidere del loro futuro anzi già dalla seconda media perchè se non tieni i livelli A sei scartato da quella scuola!!!quindi cari giudicatori iniziate a non stressare psicologicamente i ragazzi già dalle elementari e poi ne possiamoriparlare!!!perchè se posso aiutare mio figlio a raggiungere i suoi sogni aiutandolo a fare qualcosa in più io lo faccio!!! perchè sappiamo tutti che 1 1=2troppo bravi a fare la morale

Partecipa anche tu alla discussione, leggi tutti i commenti e interagisci con gli altri blogger.
16 commenti da FACEBOOK
Anna Antonietti - 13 Luglio 2016 alle 12:55
I bambini devono godersi le vacanze..... Lasciateli divertire sono già sotto pressione tutto l'anno

Partecipa sulla pagina ticinonline.ch

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 23:31:53 | 91.208.130.56
Tutte le notizie in Ticino del 20/10/2017 - 39 Notizie