Oggi in Ticino
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

TICINO

26/04/2012 - 08:59

"Te lo regalo se vieni a prenderlo", la seconda vita degli oggetti

E' un gruppo nato su Facebook nel quale si regalano oggetti non più utilizzati. Un'idea ticinese che sta conquistando anche l'Italia

0
0

LUGANO - Dare una seconda vita agli oggetti che non si usano più. E' questo lo scopo di "Te lo regalo se vieni a prenderlo", gruppo su Facebook che promuove il re-utilizzo tramite regalo di qualsiasi tipo di oggetti. La prima finalità è quella di diminuire l'inquinamento, evitando di sovraccaricare le discariche con prodotti ancora funzionanti.

L'ideatore - Il promotore dell'iniziativa è Salvatore Benvenuto, cittadino ticinese che ha avuto l'idea di questa rete sociale un giorno in discarica: "Io vado ogni tanto a Bellinzona e rimango sempre stupito dalle cose che vengono buttate, e che sono funzionanti". L'esperienza personale, la sua attuale situazione lavorativa (formatore di adulti attualmente disoccupato) e un video su Youtube chiamato 'La storia delle cose' gli hanno dato le motivazioni per far nascere l'iniziativa.

Il gruppo - Questa idea, nata in Ticino lo scorso settembre (oltre 1800 iscritti al gruppo) si sta rapidamente diffondendo anche in Italia, con vari gruppi regionali nati in questi giorni."Ogni giorno ricevo un sacco di richieste, e il gruppo veneto ha ottenuto 850 iscritti in due giorni". Un'idea semplice e geniale: sulla bacheca si fanno offerte di oggetti e richieste, e i membri si mettono d'accordo sull'andare a prenderli a domicilio. Non esiste un punto di raccolta centralizzato al quale portare gli oggetti, come avviene in alcune realtà italiane, ma tutto quanto è delocalizzato e lasciato all'iniziativa del singolo. "In questo momento non penso ad un evento di raccolta, tipo mercatino delle pulci, ma sono aperto ai consigli e alle suggestioni" spiega Benvenuto.

Rapporto tra le persone - Si propone anche un modello diverso di relazione tra le persone e le cose: non solo il classico rapporto venditore-cliente, ma un interscambio tra i consumatori in modo da allungare la vita dell'oggetto. Non è solo una scelta ecologista che ha spinto Benvenuto a far nascere il gruppo, ma anche il desiderio di creare una nuova connessione tra gli individui. "Si crea una comunicazione, un dialogo"; dinamiche che una volta erano usuali, e che negli ultimi anni si erano perse, specie per i ritmi frenetici della vita quotidiana. "Bisogna sfatare il luogo comune dell'egoismo, e delle persone che pensano a sé stesse. Dando loro un mezzo, la gente è disposta a fare le cose, e vedo che molti si vengono incontro, soddisfando i propri bisogni scambiandosi oggetti. Infatti non mi aspettavo il successo che il gruppo sta avendo".

Grazie alla crisi - In tempi di crisi il valore di un oggetto viene rivalutato. In molti scoprono (o riscoprono) concetti quali il baratto, la condivisione e una filosofia come quella decrescita. Come dice l'intestazione del gruppo: "Evolversi vuol dire "utilizzare al meglio le risorse"". "E' un discorso di maggiore sostenibilità e collaborazione tra le persone" continua Benvenuto. "In questo gruppo si chiede, e si dà. Punto su questo aspetto: si può fare qualcosa l'uno per l'altro. Ho regalato tanti oggetti, e ogni volta che ho incontrato le persone è stato un momento particolare, per me e anche per loro".

Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare

11 commenti da TIO
nasofino - 26 Aprile 2012 alle 21:47
la Caritas può permettersi di fare pubblicità in TV mica vuole il tuo divano anche se fosse ancora in ottimo stato. Mettila sul tuo testamento, è più gradito!

Partecipa anche tu alla discussione, leggi tutti i commenti e interagisci con gli altri blogger.
Potrebbe interessarti anche ... beta

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 16:00:24 | 91.208.130.56
Tutte le notizie in Ticino del 21/10/2017 - 8 Notizie