Oggi in Svizzera
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

SVIZZERA

13/09/2017 - 10:56

Sì alla birra in autostrada

Il Consiglio degli Stati ha approvato la vendita di alcolici nei ristoranti e nei negozi delle aree di servizio. Ora il Governo dovrà elaborare un progetto di legge

Archivio Keystone
0
0

BERNA - In futuro, i ristoranti e i negozi situati nelle aree di servizio autostradali saranno autorizzati a vendere bevande alcoliche. Dopo il Nazionale, anche il Consiglio degli Stati ha approvato oggi - con 26 voti contro 14 e 1 astenuto - una mozione in tal senso. Ora il governo dovrà elaborare un progetto di legge.

Secondo il testo, il diritto in vigore da oltre 50 anni è contrario al principio della libera concorrenza. I commerci delle aree di servizio sono fortemente penalizzati, poiché i loro concorrenti situati appena dopo le uscite autostradali possono vendere alcol.

In nessuno dei Paesi limitrofi vige un simile divieto. Inoltre, la vendita e la mescita di bevande alcoliche non sono nemmeno vietate dalla legge federale sulle strade nazionali.

«Un automobilista che vuole comprare dell'alcol, oggi può farlo abbastanza facilmente», ha rilevato Werner Hösli (UDC/GL) a nome della commissione.

Anche la ministra dei trasporti Doris Leuthard ha sostenuto il testo, rilevando che il comportamento nei confronti dell'alcol è cambiato, in particolare in seguito all'abbassamento del limite legale di alcolemia al volante. A suo avviso, ognuno deve rispettare la legge ed è responsabile dei propri atti, indipendentemente dalla disponibilità di un prodotto nelle aree di servizio.

Una minoranza, invece, ha invitato invano a respingere la mozione. Claude Hêche (PS/JU) ha per esempio sottolineato i rischi legati alla sicurezza. «Un incidente è sempre un incidente di troppo», ha dichiarato il socialista giurassiano, il quale alla responsabilità individuale ha tentato di opporre la responsabilità collettiva. «Lo Stato deve proteggere il cittadino» che potrebbe trovarsi sulla sua strada un automobilista sotto l'influsso dell'alcol.

Secondo Hêche, anche l'argomento della libera concorrenza è ingannevole: i ristoranti e i negozi delle aree di servizio non si trovano in mano a imprese famigliari, ma appartengono a grandi gruppi che dispongono di altri vantaggi o addirittura di una sorta di monopolio.

Il divieto di vendere bevande alcoliche è in vigore dal 1964. Quando in maggio il Consiglio federale si è detto per la prima volta favorevole alla sua abolizione, le reazioni non si sono fatte attendere. Secondo l'Ufficio prevenzione infortuni (Upi), grazie al divieto le autostrade svizzere sono molto sicure.

Citando uno studio del 2016, l'Upi rilevava come il 13% di tutti gli incidenti autostradali gravi sia riconducibile all'alcol. A suo avviso, le aree di servizio non sono paragonabili ai ristoranti situati lungo altri tipi di strade: dopo aver mangiato e bevuto, i clienti delle aree di servizio continuano il loro viaggio ad alta velocità, percorrendo distanze lunghe e faticose.

Stando a un più recente sondaggio popolare, l'82% degli Svizzeri sostiene il divieto di vendere bevande alcoliche lungo le autostrade. Finora il Consiglio federale e il Parlamento avevano sempre bocciato precedenti tentativi di abolire questa misura.

Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare
Utente non Registrato - Login/Registrati
loading


9 commenti da TIO
boro - Martedì alle 08:42
Sì alla birra in autostrada, ma: se ne bevi sono ca...... amari,

Partecipa anche tu alla discussione, leggi tutti i commenti e interagisci con gli altri blogger.

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 20:45:35 | 91.208.130.56
Tutte le notizie in Svizzera del 22/09/2017 - 29 Notizie