Oggi in Svizzera
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

ARGOVIA

11/04/2017 - 10:40

Marco cerca suo padre. È fallita la pista ticinese

Il ragazzo, allontanato dai genitori all'età di 3 anni, ha da poco scoperto che la madre è morta. Ora cerca di scoprire la verità su questa oscura vicenda

0
0
GALLERY | 3 immagini

AARAU - La storia di Marco Hauenstein ha ampiamente superato i confini svizzeri diventando un caso internazionale. L'ormai 19enne argoviese, era stato allontanato dalla madre tossicodipendente all'età di 3 anni, crescendo presso una famiglia adottiva. Divenuto maggiorenne il ragazzo ha deciso però che era giunto il momento di conoscere i suoi veri genitori. Con una foto in bianco e nero della madre, Gina Hauenstein, ha iniziato attraverso i social una ricerca della donna, nata nel 1970 e sparita nel 2000.

La triste scoperta - La solidarietà degli utenti della rete è stata impressionante. Così, ai primi di febbraio, il ragazzo ha scoperto la triste verità: la madre è morta dal 2013. Un uomo, durante una passeggiata a Waldshut (in Germania, vicino al confine con la Svizzera), ha trovato un osso femorale attribuito, mediante l'esame del DNA, alla donna. La polizia tedesca tuttavia non è in grado di sapere se la madre sia stata uccisa, si sia tolta la vita o sia morta per cause naturali. La polizia argoviese era a conoscenza dei fatti dal 2015, ma aveva evitato di informare la famiglia per non intralciare le indagini della polizia tedesca.

Da quel momento il ragazzo ha iniziato a fare ricerche, anche tramite la polizia, per scoprire di più sui retroscena della morte di sua madre.

Alla ricerca del padre - Contemporaneamente il 19enne ha iniziato le ricerche di sua padre. «Di recente si è fatto vivo un uomo dal Ticino, un conoscente di mia madre», spiega Hauenstein. L'uomo si è mostrato molto disponibile, tanto da essere pronto al test di paternità. «Che purtroppo ha dato risultato negativo», prosegue il ragazzo.

Poco dopo il ragazzo ha trovato un uomo in Croazia. «Un mio amico ha guidato per più di 300 chilometri per trovarlo», ha spiegato il ragazzo. «Ho potuto verificare che nemmeno lui è mio padre, ma sembra sia stata l'ultima persona che ha avuto rapporti con mia madre». Hauenstein tuttavia non demorde. Vuole che la verità venga a galla.

Contemporaneamente il ragazzo ha iniziato a ricevere richieste d'aiuto da parte di giovani nella sua stessa situazione. «Un 17enne tedesco mi ha chiesto se potessi aiutarlo nella ricerca di suo padre». Il 19enne argoviese ha accettato di dargli, per quanto in suo potere, tutto l'aiuto possibile.

C'è un lavoro da investigatore privato nel futuro dei giovane? «Voglio fornire il mio aiuto, naturalmente gratis», assicura il 19enne che si dice felice di non aver avuto negli ultimi mesi un posto fisso potendo così impiegare tutto il suo tempo nella ricerca dei genitori.

Potrebbe interessarti anche ... beta

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 15:36:55 | 91.208.130.55
Tutte le notizie in Svizzera del 23/10/2017 - 20 Notizie