Oggi in Svizzera
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

SVIZZERA

10/12/2016 - 12:26

Raiffeisen riduce il numero di filiali: «Da 970 a 800 nei prossimi 10 anni»

La decisione, comunicata dal presidente della direzione, Patrik Gisel è motivato dal fatto che in futuro le transazioni verranno effettuate quasi completamente in maniera digitale

0
0

ZURIGO - Non è un bel periodo per le banche svizzere. Dopo il taglio di 450 posti di lavoro lavoro annunciato giovedì dalla EFG International nell'ambito dell'acquisizione dell'istituto di credito ticinese BSI, oggi si apprende che la Raiffeisen intende ridurre il numero delle sue filiali da 970 a 800 nei prossimi dieci anni.

È quanto annuncia il presidente della direzione Patrik Gisel che respinge peraltro l'introduzione di tassi d'interesse negativi.

Tra cinque anni il gruppo non sarà radicalmente diverso, ha affermato Gisel in un'intervista apparsa oggi sul quotidiano svizzero tedesco "Neuen Zürcher Zeitung". «Continueremo ad essere molto forti nella nostra attività principale, ma con meno succursali di oggi», ha aggiunto.

In futuro le transazioni verranno effettuate quasi completamente in maniera digitale, ha detto. Nelle succursali Raiffeisen i collaboratori si occuperanno principalmente della consulenza alla clientela, il che significa tra le altre cose che in molti posti la distribuzione di denaro contante avverrà solo mediante i distributori automatici. La digitalizzazione continuerà ad aumentare.

Quanto all'evoluzione della banca privata Notenstein La Roche, acquisita da Raiffeisen, Gisel afferma che non è ancora stato raggiunto il successo sperato. I costi sono stati nettamente ridotti e l'offerta limitata solo a certi tipi di mandati "ma dobbiamo continuare a lavorare a una struttura orientata al futuro. Ciò significa ad esempio che amplieremo i canali digitali e ambiremo ad ancor più efficienza in seno al gruppo Raiffeisen", precisa Gisel.

L'obiettivo è che la banca privata contribuisca nella misura del 10% ai ricavi del gruppo. A questo scopo Notenstein La Roche deve però evolversi: essa deve in particolare essere a disposizione anche per i clienti Raiffeisen, che nel corso della propria vita hanno conseguito bisogni d'investimento più complessi. Indipendentemente dal successo di Notenstein, il Retailbanking resterà l'attività principale di Raiffeisen, ha precisato il presidente della direzione del terzo gruppo bancario elvetico.

Gisel respinge infine l'idea dei tassi d'interesse negativi. «Prima ancora di pensare di introdurre dei tassi negativi per la clientela privata, cercheremo altre soluzioni», ha concluso.

Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare

10 commenti da TIO
Tato50 - 11 Dicembre 2016 alle 09:55
Dove è andato a finire il "motto" della Banca vicino alla gente?
In certe filiali se entri sembra che disturbi ;-((

Partecipa anche tu alla discussione, leggi tutti i commenti e interagisci con gli altri blogger.
9 commenti da FACEBOOK
Manuela Rada - 10 Dicembre 2016 alle 18:37
Quella vicina al popolo si chiamava Cassa Raiffeisen. Ora è banca ed è uguale a tutte le altre....😢😢😢

Partecipa sulla pagina ticinonline.ch
Potrebbe interessarti anche ... beta

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 08:48:40 | 91.208.130.55
Tutte le notizie in Svizzera del 20/10/2017 - 2 Notizie