Oggi in Sport
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

HCL

03/02/2017 - 11:00

Il derby è alle porte: «Sfida molto importante, i biancoblù saranno ancora più carichi»

Il difensore del Lugano, Julien Vauclair, si è espresso a sei gare dal termine della LNA: «Ireland? È un coach paziente ed è molto chiaro su ciò che pretende da noi»

0
0

AMBRÌ - Il prossimo sabato (4 febbraio) andrà in scena alla Valascia il quinto derby stagionale fra Ambrì e Lugano, valido per il 45esimo turno di LNA.

Il bilancio è di 3-1 in favore dei bianconeri e finora ha sempre vinto la squadra che giocava davanti ai propri tifosi. Si tratta anche della prima stracantonale in assoluto per i due nuovi allenatori: Gordie Dwyer da una parte e Greg Ireland dall'altra.

In casa bianconera il nuovo head-coach sembra aver avuto un buon impatto con la squadra e in Leventina cercherà di conseguenza la terza affermazione esterna su tre partite disputate. A questo proposito si è espresso il pilastro della difesa Julien Vauclair.

Julien Vauclair, sono passati dieci giorni dall'avvento del nuovo coach. Come vi trovate?
«È ancora presto per parlare del suo operato. Non è da molto tempo alla Resega, ma abbiamo già avuto modo di conoscere le sue qualità: è un allenatore paziente, lavora molto sul sistema di gioco ed è stato chiaro su ciò che pretende da noi. Penso che da quando è arrivato abbiamo mostrato una buona reazione».

Cos'è cambiato con lui? Prima del suo arrivo non vincevate praticamente mai in trasferta, mentre ora le cose sono cambiate...
«Non penso che sia tanto il fatto di giocare fuori casa, ma piuttosto il sistema di gioco efficace che mostriamo sul ghiaccio. Sapevamo che difensivamente incassavamo troppe reti e che così non era più possibile andare avanti. Finora abbiamo quindi lavorato intensamente per curare questo aspetto, apportando alcune modifiche a livello di sistema di gioco nella nostra zona. Credo che ciò abbia aiutato tutto il gruppo: subiamo molto meno e riusciamo a toglierci le nostre soddisfazioni dove prima facevamo fatica».

Può essere una buona tattica quella di giocare sempre in casa con quattro stranieri offensivi e in trasferta con tre più Wilson?
«Penso che come giocatori noi dobbiamo solamente cercare di essere bravi ad applicare al meglio il nostro sistema di gioco. Per il resto non saprei, bisognerebbe chiedere all'allenatore».

Kloten e Langnau sembrano essere troppo lontani ormai. Preoccupano ancora?
«La situazione è molto chiara e non possiamo permetterci né di pensare troppo in avanti, né di abbassare la guardia perché sarà una lotta fino all'ultima partita. Abbiamo ovviamente qualche punto di vantaggio rispetto a Kloten e Langnau, ma siamo anche scesi sul ghiaccio di più rispetto a loro. Dobbiamo riuscire a mantenere alta la concentrazione senza commettere l'errore di pensare che siamo già qualificati per i playoff».

...e adesso ci sarà l'Ambrì...
«Sarà una sfida molto importante e per noi conta ovviamente vincere. Il derby è sempre una partita particolare dove in gioco non ci sono solamente i tre punti. In panchina da loro ci sarà inoltre il nuovo allenatore e la squadra sarà sicuramente ancora più carica e motivata».

Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare

0 commenti da TIO
Non è ancora stato inserito nessun commento.

Loggati a Tiolounge per poter essere il primo a commentare questo articolo.
Potrebbe interessarti anche ... beta

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 03:00:34 | 91.208.130.56
Tutte le notizie in Sport del 21/10/2017 - 0 Notizie