Oggi in Sport
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

HOCKEY

15/03/2012 - 16:31

Larry Huras: "In due anni il titolo"

Il coach è convinto che sia l'inizio di un grande ciclo, mentre la presidente Vicky Mantegazza si è detta orgogliosa della squadra. Rintanen via, McLean confermato per una stagione

0
0

LUGANO – Alla conferenza stampa di fine stagione dell’Hc Lugano svoltasi alla Resega,  erano presenti la presidente Vicky Mantegazza, il ds Roland Habisreutinger, Larry Huras e i capitani di questa stagione Julien Vauclair e Steve Hirschi.

A prendere la parola è stata una soddisfatta Vicky Mantegazza: “Mi sento veramente fiera di questa squadra e dei nostri tifosi. L’obiettivo d’inizio stagione, partecipare ai playoff, è stato raggiunto. Altra cosa molto importante e di cui sono orgogliosa è il riavvicinamento con i nostri tifosi. Questa squadra ha ridato emozioni e ottimismo. Vorrei ringraziare chi ci ha seguito e sostenuto sempre, in particolare la Curva Nord che si è dimostrata come sempre la migliore. Prima di chiudere vorrei citare Sebastién Reuille, un giocatore, ma soprattutto un uomo che ha saputo incoronare fino in fondo il senso dello sport e quello che chiediamo ai nostri attuali giocatori e a quelli futuri: professionalità, dedizione, amore e rispetto per i colori della nostra società. Sono contenta e serena della mia prima stagione, soprattutto il finale di questa campagna sarà il punto da dove ripartiremo”.

Dopo la presidente, a parlare è stato il ds Habisreutinger: “A fine ottobre ci siamo ritrovati a sorpresa senza allenatore. Il mio lavoro è stato più facile di quello di Larry. Per un allenatore non è mai semplice accettare una squadra che non è la sua. Larry ha preso una compagine che era di un altro allenatore, con giocatori voluti da un altro tecnico”.

Dopo la dirigenza è stato coach Larry a dare la sua versione e come negli scorsi giorni ha parlato di nuovo ciclo: “Questa mattina ho parlato con i giocatori. Ho detto loro che sono fiero di come ho visto un gruppo di giocatori diventare una squadra e ho ricordato anche il grande Lugano del 2001. Quando sono sbarcato la prima volta alla Resega ho preso in mano una squadra di talento che era al settimo posto e dopo abbiamo vissuto quattro Natali consecutivi al primo posto e i titoli del 2003 e del 2006, anche se in quest’ultimo ero in Canada. Chiaro che da zero non si può andare subito a dieci, stiamo vivendo un ciclo che comincia dal basso e che in due anni ci porterà al titolo”.

Il Coach è poi stato punzecchiato sullo scarso rendimento di alcuni dei trascinatori della regular season, oltre alla loro avanzata età,  e il powerplay nullo mostrato nei playoff. Mentre al ds è stato chiesto se dopo la stagione vissuta e la non brillantezza di qualcuno porterà a rivedere i contratti in essere.

Huras: “Bè, a noi è mancato tanto Kimmo nel powerplay, però diamo anche i meriti al grande boxplay del Friborgo. In tutta la serie, prima del goal di Plüss all’overtime, è stata realizzata solo una rete con l’uomo in più. Per quanto riguarda l’età, io credo che ci vogliano gli uomini con esperienza e oltretutto è una cosa relativa: guardate Teemu Selänne, ha più di quarant’anni e continua a sbalordire in NHL”.

Habisreutinger: “I nomi li fate voi e non io. La stagione è appena conclusa e valuteremo la situazione con ogni singolo giocatore con calma e faccia a faccia”.

La società bianconera intanto ha confermato il rinnovo per una stagione del canadese Brett McLean. Il 33enne era giunto sulle rive del Ceresio a  stagione inoltrata su espressa richiesta di Huras che lo aveva avuto a disposizione a Berna nell'anno del titolo.

Nelle stesse ore il Lugano ha deciso di separarsi da Kimmo Rintanen. Il giocatore dunque lascia il Ticino dopo soltanto una stagione.

Potrebbe interessarti anche ... beta

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 05:52:33 | 91.208.130.56
Tutte le notizie in Sport del 23/09/2017 - 0 Notizie