Oggi in Finanza
News
PostFinance
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

CONFEDERAZIONE

05/10/2017 - 08:08

«I robot ci faranno bene»: finora che ci han detto, bugie?

Secondo Avenir Suisse, saranno solo un'opportunità, a patto di rinunciare a 45 ore settimanali massimo, orario fisso e domeniche sacre

0
0

LUGANO - Arriva il momento in cui non resta che arrendersi all'evidenza. Perché la digitalizzazione è qui e rinnegarla, a un certo punto, serve solo a farsi del male. Così si prova a leggere la realtà da un altro punto di vista. Quello di Avenir Suisse è senza dubbio contro tendenza. Mentre il resto del mondo, dai sindacati al Wef, dice che i robot porteranno via posti di lavoro, l'associazione invece giura: sarà un'opportunità, ci farà del bene.

Al bando «i tentativi politici di imbrigliare i modelli aziendali digitali», che «si ripetono ad intervalli regolari» e «rappresentano il maggior pericolo per l’economia del Paese». Benvenuti tempi dove l'occupazione è flessibile, la gente disponibile, il confine tra vita privata e professionale sfumato. E le macchine diventano «la miglior premessa per incrementare la produttività e il reddito e creare nuovi posti di lavoro: la Svizzera deve aprirsi alla digitalizzazione, non fuggirla», invitano Marco Salvi e Tibère Adler, autori di uno studio su “La venuta dei robot”.

Un dato alla mano: se tra il 2006 e il 2016 è andato in fumo il 15% dei posti, «è anche vero che se ne sono creati 70mila di nuovi ogni anno». E in futuro, semmai, scompariranno gli impieghi, non il lavoro. Quelli intesi in senso tradizionale e ormai anacronistici, anzi «obsoleti, da prima rivoluzione industriale». Per vincere questo tipo di disoccupazione indotta, non c'è che stravolgere costumi e prospettiva. Via il tetto delle 45 ore settimanali, via l'orario fisso quotidiano e la sua durata massima, basta domeniche sacre. «Bisogna agire sui tempi del lavoro». E il lavoro atipico, così, diventa tipico. 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare

10 commenti da TIO
Libero pensatore - 5 Ottobre alle 11:02
Occorrerebbe mettere al servizio della collettività la tecnologia, facendo in modo che si possa lavorare meno a stipendi invariati.
Quello che invece sta accadendo è esattamente il contrario: saltano posti di lavoro, lo stato viene caricato di costi sociali, quelli che si tengono il posto di lavoro sono chiamati a mantenere quelli che lo hanno perso e i pochi che gestiscono il progresso tecnologico si fanno le palle d'oro.

Partecipa anche tu alla discussione, leggi tutti i commenti e interagisci con gli altri blogger.
2 commenti da FACEBOOK
Paola Nelly Dellagiovanna Morandi - 5 Ottobre alle 08:18
Rubano il lavoro

Partecipa sulla pagina ticinonline.ch
Potrebbe interessarti anche ... beta

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 14:34:05 | 91.208.130.56
Tutte le notizie in Finanza del 20/10/2017 - 4 Notizie