Oggi in Finanza
News
PostFinance
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

SVIZZERA

24/10/2016 - 11:13

Vögele: a rischio i posti di lavoro dei dipendenti della sede centrale

«Prospettive future per una gran parte del personale», stando all'azienda i tagli saranno effettuati perlopiù a Pfäffikon (SZ)

0
0

ZURIGO - Presso Charles Vögele a rischio sono soprattutto i posti di lavoro nella sede di Pfäffikon (SZ), non quelli delle singole succursali: lo afferma il presidente della direzione Markus Voegeli, che in un'intervista ha parlato dell'acquisizione da parte di Sempione Retail, una società di partecipazione con sede a Zurigo controllata da investitori italiani.

«Vogliamo offrire al maggior numero di persone una prospettiva di carriera e per la gran parte del personale di vendita questo è possibile», afferma Voegeli in dichiarazioni riportate dal portale finanziario Cash.ch.

L'azienda attiva nel settore dell'abbigliamento - spiega il CEO - non ha un problema nella struttura dei costi di vendita, quanto nella centrale. «Se ci sarà un taglio di impieghi, interesserà soprattutto le funzioni centrali a Pfäffikon (SZ), non presso il personale di vendita».

L'insegna Charles Vögele rimarrà sulle facciata dei negozi ancora per la maggior parte del 2017: le collezioni primaverile ed estiva sono già state acquistate. Nel corso dell'anno vi sarà poi il cambiamento graduale verso il marchio OVS, impresa italiana che vende vestiti per uomo, donna e bambino e che controlla il 35% di Sempione Retail. Non è ancora stato stabilito il momento preciso in cui ciascuna filiale cambierà nome. La sede centrale rimarrà comunque per il momento a Pfäffikon (SZ).

Voegeli ritiene che l'acquisizione avrà successo. Tutto è ora in mano agli azionisti: l'offerta pubblica è partita il 20 ottobre e durerà quattro settimane. Sarà considerata riuscita se gli acquirenti otterranno almeno il 70% delle azioni. Il prezzo di 6,38 franchi per titolo viene ritenuto equo dal CEO di Vögele.

Il consiglio di amministrazione della società fondata nel 1955 da Charles Vögele e dalla moglie Agnes raccomanda all'unanimità di accogliere la proposta. L'azienda di lunga tradizione è nelle cifre rosse dal 2011: nel maggio di quell'anno il corso dell'azione era ancora di 70 franchi, contro gli attuali 6.

Secondo il CEO Vögele potrebbe sopravvivere anche autonomamente: ma per un'impresa di medie dimensioni il contesto europeo si è fatto sempre più difficile. Con OVS - prosegue il manager 55enne - la società ottiene un marchio forte che può avere successo anche in Svizzera. Il gruppo italiano - con il nome Oviesse - è stato peraltro in passato già presente nella Confederazione, da dove si era ritirato nel 2004.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare

0 commenti da TIO
Non è ancora stato inserito nessun commento.

Loggati a Tiolounge per poter essere il primo a commentare questo articolo.

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 07:40:41 | 91.208.130.56
Tutte le notizie in Finanza del 19/10/2017 - 0 Notizie