Oggi in Svizzera
News
NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

ITALIA

03/06/2012 - 18:15

Il Papa dona 500 mila euro ai terremotati





MILANO - Il Papa si attiva personalmente per offrire fondi in favore delle popolazioni terremotate dell'Emilia e della bassa Lombardia. Durante la sua visita a Milano per l'Incontro mondiale delle Famiglie, Benedetto XVI ha ricevuto offerte e donazioni per la sua beneficenza personale e devolverà 500 mila euro a favore delle zone colpite dal sisma. Lo ha annunciato il vicario episcopale di Milano, monsignor Erminio De Scalzi, presidente della Fondazione Milano Famiglie 2012, al termine della messa del Pontefice al parco di Bresso.

La somma sarà distribuita ai vescovi di Mantova, Modena, Ferrara, Carpi e Bologna, peraltro presenti al Meeting milanese, e simbolicamente consegnata a monsignor Busti, vescovo di Mantova. La partecipazione ai disagi e alle sofferenze delle popolazioni terremotate ha percorso tutto l'evento di questi giorni a Milano. Più volte il Papa ha fatto appello a "una generosa solidarietà", mentre ai colpiti dal sisma sono stati dedicati sia il concerto di venerdì sera alla Scala di Milano, sia la successiva veglia di preghiera in Duomo, in cui proprio mons. Busti ha parlato dell'indicibile spaesamento di chi perde in pochi secondi i punti di riferimento di una vita - la casa, e anche la chiesa - e ha invitato tutti "a non dimenticarci".

"Sentiamo profondamente il vostro dolore, non vi dimenticheremo e facciamo il possibile per aiutarvi, anche materialmente. Prego insistentemente per voi", ha detto ieri sera il Papa nella veglia delle famiglie rivolgendosi ai terremotati dell'Emilia. Il Pontefice ha accolto sul palco di Bresso anche una famiglia colpita dal sisma in provincia di Ferrara. E anche oggi all'Angelus, ha incoraggiato tutti "ad essere sempre solidali con le famiglie che vivono maggiori difficoltà, penso alla crisi economica e sociale, penso al recente terremoto in Emilia".

E a proposito di una possibile visita del Papa alle zone terremotate, il portavoce vaticano padre Federico lombardi ha detto oggi che "si può pensare ma non è in programma, e soprattutto non subito". "In occasione di terremoti visite di Papi ci sono state: Giovanni Paolo II andò in Umbria, Benedetto XVI è andato all'Aquila - ha ricordato -. Bisogna però pensare che non è una cosa che può accadere nell'immediatezza dell'evento. D'altronde in una zona che già è disastrata, il movimento che si crea con l'arrivo del Papa sicuramente non aiuta". "Aspettare è un fatto di saggezza e attenzione - ha aggiunto -: se è un evento desiderato si prenderà in considerazione, ma non come cosa dei primi giorni".

La donazione di oggi di Benedetto XVI si aggiunge alla mobilitazione della Chiesa italiana a sostegno delle popolazioni colpite, tramite anche le Caritas diocesane. La Cei ha già stanziato due milioni di euro dai fondi dell'otto per mille, mentre domenica prossima, 10 giugno, ci sarà una giornata di raccolta di offerte in tutte le chiese italiane.

 

Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare

ULTIMO COMMENTO
avalon - 7 Giugno 2012 alle 10:32
Appena sentita...:
"Se un filosofo è un uomo cieco, in una stanza buia, che cerca un gatto nero che non c'è..., un teologo è l'uomo che riesce a trovare quel gatto."
;-)

Partecipa anche tu alla discussione, leggi tutti i commenti e interagisci con gli altri blogger.
&
Ultime
N° lista news:   10 |  25 |  50


Copyright © 1997-2014 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati - IMPRESSUM - SEGNALACI
Last Cache Update: 22.09.2014 08:10:35
Tutte le notizie in Svizzera del 22/09/2014 - 1 Notizie