NOTIZIA FLASH 
Trasmissione Live 

ENERGY CHALLENGE

20/09/2017 - 10:21

Esistono smartphone prodotti in modo sostenibile?

Una vita senza smartphone è ormai impensabile, ciò non toglie che questi apparecchi siano dannosi per l’ambiente. Ecco alcuni consigli per migliorare un po’ il bilancio energetico dei cellulari

0
0

Secondo la piattaforma di elettronica di intrattenimento «CE Today», nel 2016 il 78% della popolazione svizzera possedeva uno smartphone. Le materie
prime necessarie per la produzione dei telefoni intelligenti, come i metalli rari e critici, i disboscamenti per la costruzione delle miniere nonché lo sfruttamento dei lavoratori, se non addirittura il lavoro minorile nei paesi emergenti e in via di sviluppo lasciano intuire che la maggior parte degli smartphone non vincerebbe alcun premio per la sostenibilità.

«Lo smartphone più sostenibile è quello che non deve essere prodotto», afferma Marius Schlegel, esperto di sostenibilità presso Swisscom. Secondo Schlegel, il bilancio ecologico degli apparecchi deve essere considerato lungo tutta la vita utile. Più del 75% delle emissioni di CO2 causate dagli smartphone viene generato durante la produzione. A confronto, il caricamento quotidiano influisce in maniera minima sul bilancio ecologico. Per la produzione dei cellulari vengono inoltre utilizzate risorse scarse, per esempio metalli terrosi rari come il neodimio e il cerio. Queste cosiddette «terre rare» rischiano ormai di scomparire nel giro di pochi anni. Senza tali metalli non si possono produrre i telefoni cellulari.

Una domanda da porsi al momento dell’acquisto: è possibile sostituire i singoli pezzi?

È quindi fondamentale che uno smartphone si possa utilizzare il più a lungo possibile in modo da ridurre la domanda di queste risorse scarse. «Un apparecchio con degli ottimi presupposti è Fairphone 2. Grazie alla struttura modulare è riparabile dallo stesso utente. Inoltre, in caso di sviluppi tecnologici, i singoli componenti come la fotocamera si possono sostituire con la massima semplicità», spiega Schlegel. All’acquisto di un nuovo telefono cellulare si dovrebbe controllare che esistano i pezzi di ricambio.

Fairphone offre inoltre ai clienti una maggiore trasparenza sulle risorse usate per la produzione e sulle condizioni dei lavoratori. L’azienda dei Paesi Bassi collabora per esempio a due iniziative volte a garantire che in Congo non siano i militari a trarre profitto dall’estrazione dei metalli necessari per la produzione degli smartphone. Fairphone certifica inoltre le condizioni di lavoro del proprio fornitore nel sud della Cina e ha introdotto gradualmente dei miglioramenti, come maggiori standard di sicurezza e vitto gratuito.

Riparare e riciclare
Il bilancio ecologico degli smartphone migliora se l’apparecchio può essere usato più a lungo e se viene rivenduto o regalato a qualcun altro. Swisscom è partner della Energy Challenge 2017 e ripara gli smartphone nei propri Repair Center. Se l’apparecchio non è più riparabile, le materie prime devono essere riciclate, spiega Marius Schlegel, esperto di sostenibilità di Swisscom.

Energy Challenge 2017 - Energy Challenge 2017 è una campagna nazionale di Energia Svizzera e dell'Ufficio federale dell'energia sui temi dell'efficienza energetica e delle energie rinnovabili. 20 minuti è partner media e approfondisce i temi principali con grafici, reportages e interviste. Trovate maggiori informazioni sull'app gratuita per Android e iOS.

Potrebbe interessarti anche ... beta

Copyright © 1997-2017 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 11:38:20 | 91.208.130.55